IL BUCO. Il film metafora dell’egoismo umano, su Netflix

Il buco

Reading Time: 3 minutes Di Lucilla Continenza. IL BUCO. Parliamo di uno dei film più visti in questi giorni su Netflix, la grande pìattaforma on demand statunitense sforna film e serie, che tanto piace. Il Buco è un lungometraggio che ho visto per curiosità, sull’onda del successo di questi giorni. Anche se inizialmente lascia un po’ perplessi, (atmosfera troppo cupa e deprimente) lo spettatore viene rapito sempre più dall’attualità del messaggio. È un thriller/ horror di grande profondità, nonostante sia vietato ai minori per la crudezza e la violenza di alcune scene. È un’ opera in linea con il disastroso periodo che stiamo vivendo, dove una pandemia globale tira sovente fuori il nostro egoismo e la poca capacità di collaborare tutti uniti.

VIAGGIO IN ITALIA. Salvatores e il docufilm degli italiani a casa

Viaggio in Italia

Reading Time: 2 minutes Di Olimpia Tarquini. VIAGGIO IN ITALIA è il progetto tutto fatto a casa dal nostro Premio Oscar Gabriele Salvatores. Si tratta di un film collettivo che parte da un’idea del regista in tempi di quarantena a causa della pandemia globale. Come ha affermato Salvatores nei giorni scorsi nelle reti nazionali: “Il film vuole essere una fotografia realistica e documentata di come vivono gli italiani nelle loro case in un periodo epocale”. L’obiettivo per il regista è di dare una testimonianza realistica per non dimenticare, visto che la memoria storica è spesso labile.Salvatore racconterà quindi la quarantena ai tempi del Coronavirus con gli occhi degli italiani e con una produzione fatta tutta a distanza e in Smart working.

VITTORIO DE SICA. L’artista della ricostruzione italiana

Vittorio De Sica

Reading Time: 8 minutes Di Lucilla Continenza e Judith Maffeis Sala. VITTORIO DE SICA (1901-1974) è tra i padri del neorealismo e non solo. È stato ed è ancora un vero orgoglio italiano. Ricordarlo in questo periodo di guerra è necessario, visto che mentre siamo ancora lontani dall’obiettivo, si parla già di ricostruzione. Attore, sceneggiatore e regista è uno dei cineasti più importanti del cinema. Ci ha lasciato un’eredità importante influenzando scuole, registi ed autori. Rammentiamo chi lo ha apprezzato e seguito, nomi del calibro di: Kurosawa, Spielberg, Chaplin e Altman.

Lucia Bosè. Riposa in un posto migliore, con gli angeli che tanto amava

Lucia Bosè

Reading Time: 5 minutes Di Judith Maffeis Sala. LUCIA BOSÈ, pseudonimo di Lucia Borloni, si è spenta a 89 anni all’ospedale di Segovia, in Spagna, la sua seconda patria, dov’era stata ricoverata per una polmonite, ritenuta aggravata per Coronavirus. Ne ha dato la notizia ieri il primogenito Miguel Bosè, cantante e attore amato dal pubblico italiano, attraverso Twitter precisando: “ora è nel migliore dei posti”.

HUNGRY BIRDS con Giovanni Arezzo, in rete su You Tube

Hungry birds

Reading Time: 2 minutes Presentazione. HUNGRY BIRDS. L’eclettico e promettente attore e regista ragusano, Giovanni Arezzo, da oggi 24 marzo, sarà protagonista sugli schermi, accanto al celebre Dominic Chianese (indimenticabile Zio Junior de I Sopranos e Johnny Ola de Il Padrino pt.2), di Hungry Birds, short film scritto e diretto dal film maker Raffaele Romano, già vincitore del premio BEST INDIE SHORT al LOS ANGELES FILM AWARDS.

IL SETTIMO SIGILLO. La peste e il senso della vita secondo Bergman

il settimo sigillo

Reading Time: 5 minutes Di Lucilla Continenza e Judith Maffeis Sala. IL SETTIMO SIGILLO è un film più che mai attuale, in tempi di virus. Sono tante le domande che l’uomo si sta ponendo in quarantena necessaria. Il senso di impotenza di fronte a un male contagioso è sconosciuto ed è doloroso. Il pensiero che va a chi la partita a scacchi con la morte l’ha persa. In versione restaurata, questo capolavoro assoluto è d’obbligo. Girato di proposito in bianco e nero nel 1957, è tornato nel 2018 nelle sale italiane, per la commemorazione del centenario della nascita di uno dei più grandi registi di tutti i tempi, Ingmar Bergman.

Beltrade di Milano. Il cinema riapre, ma sul sofà

Beltrade

Reading Time: 4 minutes Presentazione. Dopo un’iniziale paralisi completa delle sue attività, il Beltrade apre un canale VoD. Il pensiero va però a un progetto di rete per mantenere in vita la filiera indipendente.In questo momento così complicato, come Barz and Hippo pensiamo che il nostro ruolo continui ad essere principalmente quello di offrire agli spettatori del buon cinema e delle chiacchiere sui film, ovviamente nei
modi ora consentiti. Nello stesso tempo abbiamo pensato di mettere in atto azioni volte anche al sostegno, seppure minimo, della nostra realtà e della filiera indipendente.

PANDEMIA e cinema. I film profetici da cui trarre insegnamento

pandemia

Reading Time: 5 minutes Di Lucilla Continenza e Patrizia Triulzi. In questi giorni dalle lunghe ore, siamo costretti giustamente a stare a casa a causa di questa spaventosa e inaspettata pandemia. Senza cedere alla psicosi, mantenendo la calma e attenendosi alle regole, le attività da svolgere possono essere tante. Diversi sono i film che hanno trattato temi su pandemie, guerre batteriologiche ecc. Ora che siamo caduti in una “distopia reale” ricordiamo cinque tra i lungometraggi più interessanti e profetici di quello che stiamo vivendo. Spesso si afferma: “la realtà supera la fantasia”. Abbiamo avuto purtroppo prova, in queste settimane, che non si tratta solo di una banale frase fatta. L’augurio è di uscirne il prima possibile, come in un film a lieto fine per poterci nuovamente riabbracciare.

MAX VON SYDOW: la memorabile partita a scacchi con la morte

Max von Sydow

Reading Time: 7 minutes Di Lucrezia Palma. MAX VON SYDOW, attore preferito di Igmar Bergman, e non solo, ci ha lasciato qualche giorno fa, prima che la pandemia di Coronavirus prendesse il sopravvento sulle nostre vite. Se ne è andato a 90 anni, dopo una lunghissima carriera. È stata Catherine Brelet, produttrice cinematografica, sua seconda moglie dal 1997, a dare da Parigi la notizia che è passata quasi inosservata vista l’emergenza di questo momento epocale.

BERLINO 2020. Elio Germano miglior attore per il suo Ligabue. Favolacce: miglior sceneggiatura

Berlino 2020

Reading Time: 3 minutes Di Lucilla Continenza. .BERLINO 2020. Elio Germano vince il premio miglior attore, con Volevo nascondermi il film in cui interpreta il difficile ruolo di Ligabue pittore geniale e bullizzato, forse un folle, forse troppo sensibile, tra gente superficiale e senza cuore. A quella di Volevo Nascondermi, si aggiunge poi un’altra vittoria tutta italiana: Orso d’Argento per la Migliore sceneggiatura ai fratelli D’Innocenzo per Favolacce, film corale dove recita pure Germano.