Una vita che sto qui. Ivana Monti al Gerolamo di Milano

Una vita che sto qui. Ivana Monti al Gerolamo di Milano
Reading Time: < 1 minutes

Ivana Monti in UNA VITA CHE STO QUI di Roberta Skerl al Teatro Gerolamo di Milano il 27 e il 28 febbraio, regia Giampiero Rappa | scene Laura Benzi | luci Marco Laudando | assistenti alla regia Maria Federica Bianchi e Beatrice Cazzaro | montaggio video Alberto Basaluzzo |produzione Teatro Franco Parenti.

Ivana Monti ripropone al Teatro Gerolamo un testo che lascia il segno, una prova d’attrice memorabile, uno spettacolo che ci fa riflettere su chi siamo stati e chi siamo, e che ci fa scoppiare a ridere per le assurdità che ogni esistenza prima o poi incontra.

Lorenteggio. Uno dei comprensori di case popolari tra i più degradati di Milano sarà sottoposto a ristrutturazione e i residenti temporaneamente spostati altrove. Nonostante la prospettiva positiva, gli inquilini anziani fanno resistenza; tra loro, Adriana, vecchia milanese comicamente scorbutica.

Nel suo fatiscente appartamento, attorniata da scatoloni, la donna affronta la sfida rievocando la propria storia e quella di una Milano che non esiste più. Intorno a lei ruota l’oggi: immigrazione, abusivismo, case che cadono a pezzi e scocciatori alla porta.

Ivana Monti, signora indiscussa della scena italiana, è un’attrice molto legata alla storia del Teatro Franco Parenti. La troviamo infatti negli anni in molte sue produzioni trac cui Sior Toder Brontolon di Carlo Goldoni a Le Cose sottili nell’aria di Massimo Sgorbani diretta da Andrée Ruth Shammah che la sceglie anche per Esequie Solenni di Antonio Tarantino fino al recente a Marjorie Prime di Jordan Harrison, uno spettacolo sull’intelligenza artificiale diretto da Raphael Tobia Vogel.

Presentazione

Home Page

www.ildogville.it 

ildogville.it

ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *