La consegna del Bando Sicilia in Scena, Prima Nazionale al Biondo di Palermo

La consegna del Bando Sicilia in Scena, Prima Nazionale al Biondo di Palermo
Reading Time: < 1 minutes

Lo spettacolo La consegna, vincitore del bando Sicilia di Scena, debutta in prima nazionale, nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, giovedì 8 dicembre alle ore 21.00.

Rino Marino, autore del testo e regista, è anche interprete insieme a Fabrizio Ferracane.

Selezionato tra le oltre cinquanta proposte in lizza nella prima edizione del bando lanciato lo scorso anno dal Teatro Biondo, lo spettacolo si è classificato al primo posto aggiudicandosi il budget per la produzione – realizzata in collaborazione con la Compagnia Sukakaifa di Castelvetrano – e dieci repliche in cartellone fino al 18 dicembre.

Nello squallore desolante di una fermata disertata da uomini e tram, due menti alla deriva – Fabrizio Ferracane e Rino Marino – si incontrano per un caso apparentemente fortuito. Il primo dei due, accompagnato da un ombrello dal quale non si separa mai, passa intere giornate in occupazioni dissennate; l’altro, incollato alla sua valigia, rischia di non arrivare in tempo ad un appuntamento improrogabile.

A metterli in relazione una mancata consegna, un caso di omonimia, un ingarbugliato gioco di equivoci che culmina in una situazione surreale di folie à deux.

La consegna è uno spettacolo in cui l’ironia stempera l’atmosfera amara creata dal racconto: ne viene fuori un mondo tragicomico, suggestivo e sorprendente, che scava nei meandri della mente umana per lasciare sempre qualche porta socchiusa, nell’attesa che qualcuno sbirci dall’altra parte.

Il testo, che ha ottenuto il Premio Fersen alla drammaturgia nel 2021, porta in scena il disagio offrendone una chiave di lettura originale, che dà alla follia sfumature grottesche e inaspettati spunti comici.

Presentazione

www.teatrobiondo.it

www.ildogville.it

ildogville.it

ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *