Elena Sofia Ricci firma la regia di Fedra al Quirino di Roma

Elena Sofia Ricci firma la regia di Fedra al Quirino di Roma
Reading Time: 2 minutes

Al Quirino di Roma è di scena Fedra per la regia di ELENA SOFIA RICCI con VALENTINA BANCI, SERGIO BASILE, FRANCESCA MAZZA, GABRIELE ANAGNI, ILARIA GENATIEMPO e QUIRINO CONTEMPORANEO con ELISABETTA AROSIO, ALBERTO PENNA, VALENTINA MARTONE, AURORA CIMINO, DAFNE RUBINI, traduzione Alfonso Traina, scene e costumi Andrea Taddei, musiche Stefano Mainetti, ligth designer Stefano Limone.

NOTE DI REGIA

Quando mi si è prospettata la possibilità di curare la regia della Fedra di Seneca, immediatamente sono stata colta da un senso profondo di inadeguatezza. Poi, la sfida.
E allora mi sono chiesta: “Quale può essere la mia visione di Fedra oggi? Dove posso collocarla?”

Riflettendo e studiando, ho sentito che in questa tragedia c’è sicuramente all’interno di
ciascuno di noi una parte di ogni personaggio, e che forse, in questa nostra era, siamo tutti un po’ Ippolito: a pezzi, a brandelli.
E così ho pensato che una discarica infernale, uno “sfasciacarrozze di tutti i tempi”, potesse essere il luogo in cui collocare questa Fedra.

Fedra, Ippolito, Teseo, la Nutrice, il Messaggero, ma anche il coro – l’intero dramma è popolato da “persone” che si muovono e arrancano tra le macerie della propria esistenza. Anche il rapporto conflittuale con il potere rievoca una sempre contemporanea messa in discussione della coscienza sociale. Le dinamiche, le ossessioni, le patologie, i mostri non solo interiori dei personaggi si svelano attraverso la pièce, nella loro tragica verità.

Da anni poi, desideravo lavorare con Valentina Banci, a mio modesto parere una delle più potenti, moderne attrici del nostro teatro. Sono innamorata della sua forza espressiva e della sua capacità di rendere “vero” anche il più ostico dei versi. Ecco: vero, moderno. Questo è quello che vorrei arrivasse: la forza della “parola” di Seneca – così tragicamente contemporanea. Ma temo non sia stato Seneca ad essere incredibilmente avanti, piuttosto, forse, siamo noi uomini ad essere rimasti tragicamente indietro. Elena Sofia Ricci

Presentazione

www.ildogville.it

ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *