La nuova stagione del Teatro Officina di Milano

La nuova stagione del Teatro Officina di Milano
Reading Time: 2 minutes

Il Teatro Officina apre la Stagione 2022-2023 con lo spettacolo sulle case popolari, dal titolo “La Fondazione Crespi Morbio: una Storia, tante storie che verrà portato nel mese di settembre/ottobre in altre case popolari grazie al palinsesto “Milano è viva nei quartieri”.

Nel 2021_2022 il Teatro Officina è stato partner del Comune di Milano, Settore politiche abitative, e – grazie al Bando Europeo Reaction_Rivivi –ha lavorato per la valorizzazione della memoria storica delle case popolari di Gorla, raccogliendo interviste fra gli inquilini, curandone poi la pubblicazione e infine producendo uno spettacolo su quella storia che vede anche gli inquilini in scena, insieme e accanto ai professionisti dell’Officina.

Questo fortunato spettacolo viene ora portato in contesti simili a quello nel quale è nato, quindi nei cortili delle case popolari della zona ed offerto gratuitamente agli abitanti grazie al bando Milano è viva nei quartieri che il Teatro Officina si è aggiudicato.

Il Teatro Officina e i progetti
Nato mezzo secolo fa, in quella ormai lontana stagione del decentramento teatrale grazie al quale Paolo Grassi cercava di portare il teatro “là dove non c’è”, il Teatro Officina ha saputo trasformare e vivificare la sua matrice fondativa investendo su un modo attuale di coniugare cultura e territori, creando attraverso il teatro sociale pratiche partecipative che coinvolgono i cittadini in prima persona, promuovendo in questo modo cittadinanza attiva e protagonismo civile.

Ha sviluppato negli anni una profonda competenza nel lavoro teatrale sulle fragilità sociali: oltre ai Laboratori teatrali destinati agli stranieri richiedenti asilo, tenuti per il Settore Politiche sociali dal ‘13 al ‘15, ha lavorato molto in altri due contesti fragili: a)  le persone senza dimora, fin dal progetto l’Ultima cena_ la cena degli ultimi, realizzato nel 2015 per Expo in città nelle mense dei poveri per approdare al corso Comunicare bene realizzato nel 20-21 alla Casa dell’accoglienza E. Jannacci, progetto ideato  per fornire agli Ospiti competenze comunicative per la gestione dei colloqui di lavoro; b) negli ospedali attraverso la pratica della Medicina narrativa, iniziata nel 2006 all’Istituto Europeo di Oncologia con i prof U. Veronesi e B. Andreoni, proseguita con l’ Università Bicocca (Dip Formazione ed educazione degli adulti) e quest’anno sfociata in tre Laboratori teatrali che hanno esplorato i vissuti durante la pandemia fra anziani che vivono soli, infermiere domiciliari della Bergamasca e un reparto dell’Ospedale S. Gerardo di Monza.

La Direzione artistica di Massimo de Vita è coadiuvata da Enzo Biscardi, che ha anche firmato due regie dedicate al mondo giovanile: Ci ho le sillabe girate (sulla dislessia) e Tirare la corda (sui comportamenti a rischio)

Con oltre 50 anni di esperienza formativa la scuola del Teatro Officina rinnova la propria offerta. Ai tradizionali corsi per adolescenti, giovani e adulti di livello base e avanzato, quest’anno vengono affiancati i seminari intensivi. Affidati a professionisti anche esterni, i seminari intensivi costituiranno un’occasione di perfezionamento o di apprendimento più mirato e concentrato nel tempo.

La Stagione teatrale chiuderà i festeggiamenti dei 50 anni di vita del Teatro Officina, inaugurati in febbraio al Piccolo Teatro e al Teatro Elfo Puccini.

La nuova Stagione Teatrale verrà presentata a breve: la presentazione alla città di Tirare la corda, un omaggio a Pasolini nei 100 anni dalla sua nascita, un mese dedicato alla poesia.

Qui un breve video sulle nostre più recenti attività incluso il progetto che stiamo realizzando per Milano è viva nei quartieri.

Presentazione

www.ildogville.it

ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.