Favola. Omaggio a Pasolini al Goldoni di Firenze

Favola. Omaggio a Pasolini al Goldoni di Firenze
Reading Time: 2 minutes

Una favola eretica, una tragedia da camera contemporanea idealmente dedicata a Pasolini. Così nasce “Favola”, spettacolo teatrale a firma di Fabrizio Sinisi che Giorgia Cerruti e Davide Giglio portano in scena martedì 20 settembre al Teatro Goldoni di Firenze nell’ambito di Avamposti Teatro Festival organizzato dal Teatro delle Donne.

Inizio ore 21,15. Biglietti da 5 a 15 euro (riduzioni per over 60, under 25, soci Coop, Arci, Uisp, ATC, residenti nei Quartieri 4 e 1 e iscritti ai corsi di formazione del Teatro delle Donne).

Il drammaturgo Fabrizio Sinisi scrive sulla pelle degli artisti Giorgia Cerruti e Davide Giglio – anime fondatrici della compagnia di teatro contemporaneo Piccola Compagnia della Magnolia – un testo abissale e visionario, poetico e politico insieme: una danza a due, un rito laico attraverso cui una giovane coppia, nello specchio della propria relazione, mette radicalmente in discussione la giustizia della società attuale.

Una donna e un uomo chiusi in una stanza. In questo spazio dominato da un grande schermo, la donna inscena tre racconti. Tre visioni, tre sogni, ognuno dei quali si verifica in un diverso momento della storia: a Londra nel 1617, a Parigi nel 1793, nella contea di Boone nel 1856. In ogni episodio lei “G.” e il marito “D.” sono protagonisti di una violenza, una sopraffazione dell’uomo sulla donna, del potente sull’inerme.

Ogni episodio è un punto di snodo della modernità occidentale, un momento chiave per capire la contraddittoria identità del presente. Ma ogni sogno è anche un enigma attraverso cui si nasconde la ferita della donna, che attraverso questi racconti prova a toccare il trauma del suo passato: una figlia, di cui fin dall’inizio viene annunciata la presenza, ma che misteriosamente non si vede mai.  

Sul palco – luogo del reale – i protagonisti G. e D. ripercorrono le favole del proprio dolore, ogni giorno, nell’arco temporale che sta tra il sonno e il risveglio. Il ponte di accesso a questa via oscura è un grande schermo: siamo dentro al cranio di G, il luogo del rimosso, della trasformazione, il setaccio della memoria di sequenze perdute.   

Prima tappa di “Progetto Vulnerabili 22|24”, “Favola” è l’esperimento di un teatro politico praticato con gli strumenti della poesia.

“Tre anni fa io e Davide Giglio abbiamo chiesto a Fabrizio Sinisi di scrivere un testo sul ricordo e sulla trasformazione – spiega Giorgia Cerruti, che cura anche la regia dello spettacolo – sul risveglio dal sonno come momento ciclico – e potenzialmente eretico – di cambiamento. Abbiamo parlato a lungo con Fabrizio di noi due, del nostro passato, del rapporto che ci lega e del teatro che ci traduce. Poi il tempo di tutti si è bloccato a lungo a causa della pandemia, trasformando i muri di casa propria in un recinto collettivo. In quella condizione Fabrizio ha setacciato il materiale umano assorbito, e lo ha spostato nel territorio meraviglioso e autonomo della sua scrittura poetica. Così è nato Favola”.

In scena fino a dicembre e intitolata “Sfide”, l‘edizione 2022 di Avamposti Teatro Festival presenta una panoramica su drammaturgia e teatro contemporanei, con particolare riferimento alle autrici, ai giovani autori e alle tematiche di attualità che hanno colpito o modificato la società. Info e programma completo www.teatrodelledonne.com.

Il festival è organizzato dal Teatro delle Donne con il determinante contributo di Fondazione CR Firenze e con il sostegno di Ministero della Cultura, Regione Toscana, Comune di Firenze-Estate Fiorentina, Comune di Scandicci, Città Metropolitana, Unicoop Firenze. In collaborazione con Intercity Festival, Quartieri 1 e  4.

Presentazione

www.goldoniteatro.it/spettacoli/

www.ildogville.it


ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.