Albertazzi
Reading Time: 2 minutes

Il 21 febbraio, al Teatro Franco Parenti di Milano è in scena Un perdente di successo con Mariangela D’Abbraccio che dà voce all’autobiografia del Maestro Giorgio Albertazzi.

Un attore anomalo, uno scrittore finissimo che si guarda agire e si descrive, spesso tentato dalla terza persona, ma che rapidamente se ne ritrae, impaurito per la stessa ragione di estraneità che l’affascina; un istrione un po’ mago, sensibilissimo, un sensitivo che rifiuta però tale definizione riduttiva; un mostro sacro che vive recitando e recita la vita negando al tempo stesso, con un ironico sorriso, entrambe le cose…

Giorgio Albertazzi in questa autobiografia, che è il romanzo di un’esistenza ricco di invenzioni e di sorprese, narra l’infanzia, i giochi, le iniziazioni, l’adolescenza, la famiglia, gli studi, la guerra, gli amori, il carcere, i personaggi, il cinema, la televisione, il teatro, lo scrittore teatrale, e su tutto le vibrazioni che sa cogliere in ogni persona, in ogni episodio, in ogni cosa.

E poi, in una cascata inarrestabile, morbide malizie e dolci crudeltà, acri umori e soavi veleni sul mondo dello spettacolo e della cultura — insomma, la vita di un outsider che è però (e non rinuncia mai a esserlo) un grande protagonista, un irresistibile seduttore, un uomo che devia per puro e impagabile capriccio ogni volta che sta per colpire il bersaglio. Un dandy, uno snob incorreggibile che non ha mai voluto varcare i cancelli oltre i quali di volta in volta ha posto tutti i suoi desideri, che ha lasciato cadere con elegantissima noia tutto ciò che ha intrapreso.

Un perdente per distrazione, sensibilità, capriccio, un uomo che ha saputo ottenere tutto ma non ha saputo (e voluto) conservare nulla. Un uomo, un attore, un protagonista di grande, indiscussa e indiscutibile classe; un perdente sì, ma di grande, grandissimo successo. Le sue interpretazioni hanno segnato la scena del ‘900. Restano nella storia del teatro.

In scena, nell’adattamento teatrale di Mariangela D’Abbraccio, contrappunti di frammenti jazz – che Albertazzi amava e che più gli assomigliava – dai suoi grandi interpreti: Billie Holiday, Chet Baker, Bill Evans, Keith Jarret ed inserisce costantemente all’interno del testo autobiografico, l’ultima raccolta poetica pubblicata postuma di Giorgio Albertazzi Poesie e pensieri pubblicata nel 2020.

dall’autobiografia di Giorgio Albertazzi
adattamento di Mariangela D’Abbraccio
un progetto a cura di Mariangela D’Abbraccio e Francesco Tavassi

Presentazione

http://www.teatrofrancoparenti.it

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.