STORIA DEL TEATRO. Dieci lezioni online con Alberto Oliva

STORIA DEL TEATRO. Dieci lezioni online con Alberto Oliva

Reading Time: 2 minutes

fACTORy32 di Milano propone il nuovo corso online di Storia del Teatro condotto da Alberto Oliva. Si tratta di un interessante e approfondito percorso di dieci incontri delle origini dello spettacolo dal vivo dalla antica Grecia ad oggi. Un viaggio lungo 2500 anni. Il teatro è la prima forma di media dell’uomo, nasce con l’uomo, nasce come rito che tende al sacro, che aggrega e fa comunità. Il corso si pone l’obiettivo di ripercorrere le tappe fondamentali del Teatro occidentale, che è quello che conosciamo meglio, anche se in culture altre sia nel tempo che nello spazio, il Teatro c’è sempre stato.

Il corso, a cadenza settimanale, ogni lunedì, è partito il 18 gennaio affrontando il teatro nella Grecia antica e nella Roma imperiale (tragedia e commedia). La seconda lezione sarà sul teatro del Medioevo: giullari feste in piazza e cerimonie religiose. Seguirà Il Rinascimento: le corti, i grandi scenografi e la nascita della commedia dell’arte. La quarta lezione si intitola Alla corte della regina Elisabetta: Shakespeare e il teatro inglese. La quinta Il Seicento: il grand siecle della drammaturgia e il trionfo del barocco e del melodramma. Si affronterà poi il Settecento: La Riforma di Goldoni, l’illuminismo e il paradosso Diderot. Le ultime tre lezioni saranno su: Il Novecento delle avanguardie dal Futurismo alle sperimentazioni più ardite degli anni ’70, Il Novecento dei grandi Maestri: le grandi regie e i grandi testi contemporanei, e infine il teatro oggi: Il sistema teatrale italiano, fra nuova drammaturgia, attori, registi e critica. Un percorso antropologico nella storia del teatro che è storia della cultura dell’uomo, di quello che è stato e che è diventato.

Alberto Oliva

Alberto Oliva è un regista milanese, laureato in Scienze dei Beni culturali, diplomato in regia alla Scuola d’Arte drammatica Paolo Grassi nel 2009. È assistente alla regia, fra gli altri, di Andrée Ruth Shammah, Serena Sinigaglia, Carmelo Rifici, Paolo Bosisio. Il suo primo spettacolo è Il Venditore di sigari di  Amos Kamil, prodotto dal Teatro Litta, in cartellone dal 2010.

Nel 2012 vince il Premio Internazionale Luigi Pirandello come migliore regista emergente. Nel 2014 vince Biennale College Musica con la direzione dell’opera originale Magen Zeit, scritta dal giovane Gabriele Cosmi.

Ha collaborato con il Teatro Giacosa di Ivrea, dove realizza gli spettacoli Garibaldi, amore mio di Maurizio Micheli (2010), Il Ventaglio di Goldoni (vincitore del Premio Sipario/Associazione Nazionale Critici 2012), Il mercante di Venezia di William Shakespeare (2012) ed Enrico IV di Pirandello (2014). Con l’attore Mino Manni fonda l’Associazione I Demoni, con cui realizza il Progetto Dostoevskij che comprende Notti bianche, La confessione, Ivan e il Diavolo, Il giocatore, cui si aggiunge Delitto e castigo (2017) prodotto dal Teatro Franco Parenti e la nuova produzione L’Idiota (2019/2020).

Nel novembre 2013 esce per Atì editore il suo primo libro, L’odore del legno e la fatica dei passi. Resto in Italia e faccio teatro, testimonianza dei primi anni di lavoro teatrale. A settembre 2017 ha curato la regia di Inori di Stockhausen, evento di inaugurazione della Biennale Musica di Venezia, con la direzione musicale del M. Marco Angius. Dal 2018 cura le regie della Stagione Lirica al Teatro Verdi di Busseto.

Dal 2018 dirige con l’Associazione I Demoni le Giornate Pirandelliane di Busto Arsizio con cui ha intrapreso un Progetto Pirandello con la regia de Il fu Mattia Pascal e il prossimo debutto della nuova produzione L’uomo, la Bestia e la virtù.

Presentazione

Informazioni: info@factory32.it

www.factory32.it

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.