CLAUDIO LONGHI scrive agli amici del Piccolo, in attesa del ritorno dal vivo

CLAUDIO LONGHI scrive agli amici del Piccolo, in attesa del ritorno dal vivo

Reading Time: 5 minutes

CLAUDIO LONGHI da qualche mese è il nuovo Direttore del Piccolo Teatro di Milano, Teatro d’Europa, dopo la lunga direzione di Sergio Escobar. Subentra a Escobar in un periodo difficile per il Teatro e lo Spettacolo dal vivo. Pubblichiamo la lettera firmata da Claudio Longhi e dal Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa a tutti gli amici del più importante teatro di prosa italiano, con l’augurio che questo brutto periodo passi in fretta e si possa finalmente tornare a godere della magica atmosfera della Sala e dello Spettacolo dal vivo. Come spiega Claudio Longhi il Piccolo presenterà dal 24 dicembre dei podcast gratuiti fruibili sui canali social del teatro, e annuncia sulla piattaforma online la programmazione dei prossimi spettacoli dal vivo, pandemia permettendo.

La lettera di Claudio Longhi a tutti gli amici del Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

Care amiche, cari amici, a nome di tutto il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa, eccomi a rivolgervi con grande emozione il mio primo saluto nelle nuove vesti di direttore di questo importante teatro – meglio: di questa piccola/grande e preziosa comunità artistica e culturale. Un saluto che –unendosi ad un sincero ringraziamento a chi mi ha preceduto alla guida dell’Istituzione, a cominciare da Sergio Escobar, per averci consegnato una realtà così ricca e vivace – visto il tempo dell’anno in cui ci troviamo si declina immediatamente in augurio per le imminenti festività e per l’anno che verrà.

Il 2020 ormai avviato a conclusione è stato un anno difficile per noi tutte e tutti – inconcepibile e inaudito. Un anno tramato di dolore, fisico e morale, e di smarrimento. Un anno che ha radicalmente cambiato le regole del gioco, il rapporto con la realtà, la percezione del tempo e dello spazio, la relazione tra il dentro e il fuori, tra la sfera pubblica e quella privata. Un anno che ci ha restituito duramente alla consapevolezza della nostra disarmata fragilità. Senza illuderci di poter mai cancellare lo sgomento di questi ultimi mesi (operazione non solo impossibile, ma profondamente ingiusta e, in fondo, inumana) e rispettando lo strazio ineffabile di molte e molti di noi – troppe e troppi –,  al di là dei clamori e delle contraddizioni della cronaca dobbiamo riconoscere che il 2020 ci ha pure restituito un’esatta misura della forza e dell’importanza dei valori che hanno fondato e fondano il nostro vivere insieme, la necessità di una doverosa cura della vita in ogni sua forma, forse una più matura cognizione della funzione della ricerca, della cultura e dell’arte in seno alla nostra società. Ed è proprio da queste ultime sofferte conquiste che dobbiamo probabilmente ripartire – non per superare, come si diceva, uno scacco insuperabile, ma per sforzarsi, quanto meno, di dare un senso al vuoto di senso che ci ha travolte e travolti. Per pensare il nostro futuro. Ecco, nelle strane festività che ci troveremo a vivere – sospese, più intime e appartate –, esattamente in questa direzione vanno i nostri voti: per un domani nuovo e non immemore, ma responsabile e fidente.

Come l’intero pianeta, il teatro tutto e il nostro teatro hanno patito il trauma dei giorni che ci sono stati dati in sorte e, insieme al destabilizzante disorientamento che ci ha procurato, il passaggio ci è servito pure per cominciare a fare i conti con le debolezze e le storture del nostro sistema e per rimettere a fuoco le finalità del nostro operare. In un simile contesto, ci tengo e ci teniamo, dunque, in primo luogo, a ringraziare le amiche spettatrici e gli amici spettatori che in questo momento di difficoltà ci hanno testimoniato la loro vicinanza, esprimendoci in vario modo la loro solidarietà e supportandoci spesso anche materialmente con la rinuncia al rimborso dei biglietti. Ugualmente doveroso il ringraziamento ai membri della Fondazione, agli sponsor e a tutte e tutti coloro che a vario titolo ci sostengono: nonostante la crisi del momento non si sono, infatti, sottratte e sottratti ai loro impegni, riconoscendo la funzione pubblica delle nostre azioni. A tutte e a tutti, quindi, il nostro grazie più sincero.

L’emergenza è ancora in corso e – ahinoi – tante sono ancore le incertezze che riguardano il nostro futuro, a partire dalla data di riapertura dei teatri. Facendoci carico della parte di responsabilità che ci compete nella tutela del bene comune, rimandiamo dunque ad un momento più propizio l’incontro con voi tutte e tutti, e intanto lavoriamo per costruire i progetti dei mesi che verranno.

Poiché lo scorso luglio era stato annunciato il calendario dell’attività del Piccolo Teatro soltanto fino a dicembre, allegando per la seconda parte di stagione solo un sintetico catalogo di titoli in programma, a mo’ di buon auspicio per l’imminente 2021 aggiungo in margine a quanto scritto finora che proprio in queste ore stiamo attendendo alla pubblicazione on line sul nostro sito del calendario delle nostre proposte per i prossimi mesi di gennaio-febbraio, sempre ovviamente qualora sia possibile il riavvio delle attività. Costruito sulla base degli impegni assunti dal teatro nei mesi passati – già adeguati agli aggiustamenti resisi necessari in questi giorni con la sospensione della programmazione di spettacoli a partire dal 26 ottobre scorso –, il calendario di questo spicchio di stagione che andiamo a pubblicare diventerà ovviamente operativo ed effettivamente fruibile – e corrisponderà ad una reale presentazione di spettacoli – solo se e quando l’evoluzione della pandemia renderà possibile la riapertura delle sale.

Benché i teatri restino chiusi, la condivisione dei programmi ci sembrava però sin d’ora un gesto concreto di comunione e di fiducia per tenere aperto e vivo il dialogo con voi. Almeno per il momento si tratta di una semplice apertura virtuale, per darvi modo di esplorare e meglio conoscere idealmente quello che per ora resta un campo di pure possibilità; ma tenace è la speranza di poterci ritrovare presto a teatro per partecipare insieme agli spettacoli che per ora ci limitiamo ad annunciare.

Prima di prendere congedo da voi, sempre a nome del Piccolo Teatro tutto, vorrei e vorremmo indirizzarvi un dono. «La vera felicità del dono», scriveva Adorno, «è tutta nell’immaginazione della felicità del destinatario: e ciò significa scegliere, impiegare tempo, uscire dai propri binari, pensare l’altro come un soggetto: il contrario della smemoratezza». In questi giorni abbiamo cercato di fare esercizio di memoria, ci siamo concentrati a pensarvi, o per lo meno ci abbiamo provato, e abbiamo condiviso il nostro pensiero con alcune artiste ed artisti vicini al nostro teatro.

La scelta, alla fine, è caduta sul donarvi alcune “storie” – un piccolo e prezioso bagaglio di esperienze da custodire come talismani, un omaggio sentito al potere delle parole. In questi mesi di forzata inattività dei teatri, le avventure on line si sono moltiplicate. Certo la rete non potrà mai surrogare quel rapporto “dal vivo” su cui si fonda l’esperienza teatrale, ma per approssimazione ce ne può restituire un senso e un valore (benché dimidiati), ne può alimentare il desiderio… Per il nostro dono ci siamo quindi rivolti allo spazio della rete, cuore pulsante di una comunità certo virtuale, ma pur sempre comunità, puntando alla voce: quella strana presenza così immateriale e così fisica ad un tempo, capace di accarezzarci o sferzarci col suo flatus. A partire dal 24 dicembre Sonia Bergamasco, Roberto Latini, Federica Fracassi, Francesco Petruzzelli, Catherine Bertoni e Sebastian Luque Herrera daranno così voce sui nostri canali ad alcuni racconti – sguardi sulla realtà e mappe per il domani che ci aspetta. I podcast resteranno fruibili sui nostri canali fino al 6 gennaio. Un piccolo gesto per ricordarvi che ci siamo, che pensiamo a voi e che con voi ci vogliamo impegnare, al possibile, per cambiare insieme, a piccoli passi, il mondo. Arrivederci (e a risentirci) presto, dunque!

Claudio Longhi e il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

Presentazione

www.piccoloteatro.org

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.