GIORGIO PASOTTI, nuovo direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo

GIORGIO PASOTTI, nuovo direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo

Reading Time: 2 minutes

GIORGIO PASOTTI, attore e regista bergamasco, presentato ufficialmente il 18 novembre, con l’incarico di dirigere il Teatro Stabile d’Abruzzo si è così espresso: <<Sono orgoglioso di questa nomina, consapevole dell’importanza della storia del teatro pubblico, ma certo che con la grande squadra del TSA, amministratori e collaboratori, faremo un buon lavoro.>>. Una produzione ad alto livello con grandi classici rivisitati, caratterizzerà la direzione artistica di Pasotti, questo è il suo principale obiettivo.

Hanno partecipato alla cerimonia di presentazione, in videoconferenza, il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio e il Sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi. Il Presidente Marco Marsilio ha parlato del momento difficile per i teatri e per tutte le attività culturali, rinnovando il pieno appoggio all’Ente Teatrale Regionale con l’augurio che le misure restrittive di questi giorni possano portare in tempi brevi al ritorno alla vita normale e all’apertura dei teatri.

Il Sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi ha ricordato che la città dell’Aquila ha sempre attribuito alla cultura un valore fondamentale e che continua in quest’impegno anche attraverso la candidatura a Capitale Italiana della Cultura. <<La scelta di Pasotti è una scommessa importante, ha un’immagine molto popolare che ci aiuterà a riavvicinare tutte le generazioni al teatro. Lo contraddistinguono la cura e lo studio, ho potuto conoscerlo e scoprire il suo amore per i classici e per l’innovazione. Non si apre una nuova stagione, si rafforza quella iniziata con Simone Cristicchi, che è stato un importante direttore artistico per il TSA dal 2018 al  2020,  che continuerà in altra veste la sua collaborazione con noi.>>

Fonte LAQTV Abruzzo

Il nuovo direttore è consapevole delle emergenze conseguenti alla pandemia, pur fiducioso dei rapporti stretti con le compagnie del territorio e con gli altri teatri italiani. Nel suo ruolo sa di dover difendere il lavoro degli artisti e dei tecnici. Deve trovare le giuste soluzioni per l’impegno economico, continuare la grande drammaturgia classica e la modernità degli allestimenti. Proseguire con i corsi di formazione, aprire a nuove professionalità, mantenere un dialogo costante con tutte le realtà culturali professionali, agire per la distribuzione degli spettacoli nei teatri italiani.

Giorgio Pasotti

Giorgio Pasotti, attore a tutto tondo, è stato campione di arti marziali, che ha praticato per molti anni a livello agonistico. Forte è infatti il suo rapporto con la Cina dove durante un soggiorno di due anni si è avvicinato al mondo della recitazione. Durante la sua carriera, ha alternato cinema d’autore lavorando con importanti registi come Daniele Lucchetti e Gabriele Muccino, a serie televisive più leggere che gli hanno donato molta notorietà tra gli attori della sua generazione. Per la televisione è stato anche conduttore e protagonista di spot pubblicitari. Appassionato dei classici del teatro da diversi anni si dedica al palco portando in scena tra gli ultimi lavori: Io, Shakespare a Pirandello, regia di Davide Cavuti e con Claudia Tosoni (2019) Hamlet, di William Shakespeare, regia di Francesco Tavassi con Giorgio Pasotti, Mariangela D’Abbraccio (2020). Nel 2015 ha firmato la regia dello spettacolo teatrale Io, Arlecchino, co-regia con Matteo Bini (2015) e del film Abbi fede (2020).

Di Barbara Manenti

www.ildogville.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.