L’OMBRA DI CARAVAGGIO, il nuovo film di Michele Placido

L’OMBRA DI CARAVAGGIO, il nuovo film di Michele Placido

Reading Time: 3 minutes

L’OMBRA DI CARAVAGGIO (Caravaggio’s Shadow) è il titolo del quattordicesimo film da regista di Michele Placido. Dal 21 settembre sono iniziate a Napoli le riprese del film. Non sorprende che Michele Placido, attore e regista cinematografico, televisivo e teatrale, e soprattutto regista di film drammatici e a tratti intimistici, prediligendo soggetti con forte carico sociale, abbia voluto dedicarsi ad un artista fra i più carismatici della pittura europea del Seicento.

Dopo essere stato attore, diretto da alcuni dei più importanti registi del cinema italiano, Michele Placido negli anni Novanta si dedica alla regia, realizzando opere che descrivono eventi e personaggi della vita civile e della storia italiane. Ha debuttato come regista con Pummarò (1990), con interprete Kwaku, un ragazzo danese, per parlare del problema del razzismo e dell’emigrazione.

L’ombra di Caravaggio

Dopo quattro anni di lavoro, Michele Placido, con la collaborazione per la sceneggiatura di Sandro Petraglia e Michel Signorile, ha composto un cast d’eccezione. Il ruolo del protagonista è infatti affidato a Riccardo Scamarcio, chiamato a interpretare una versione moderna del pittore, mentre per sé, Placido, ha voluto la parte del cardinale Del Monte. Nel cast, all’interno del quale farà il proprio esordio d’attore il rapper Tedua, nei panni di Cecco, il garzone di Caravaggio, sono annoverati anche: Micaela Ramazzotti, Isabelle Huppert, scelta come volto della marchesa Costanza Colonna, Louis Garrel, Vinicio Marchioni, Moni Ovadia, Lorenzo Lavia, Maurizio Donadoni, Gianfranco Gallo.

I film su Caravaggio

Sono stati girati diversi film, cortometraggi, lungometraggi su Caravaggio. Due lungometraggi: Caravaggio pittore maledetto (1941, di Goffredo Alessandrini e Caravaggio (1986 del britannico Michael Dorek Jarman). Nel 1967, la Rai trasmise lo sceneggiato televisivo Caravaggio con la regia di Silverio Blasi e Gian Maria Volonté protagonista. Nel 2002 il cortometraggio Vernissage!…1607 Caravaggio con la regia di Stella Leonetti per raccontare uno dei dipinti dell’artista, Le sette opere di Misericordia, Danny Quinn interpreta Caravaggio.

Nel 2004 viene presentato il medio metraggio Caravaggio. L’ultimo tempo (1606-1610) del regista napoletano Mario Martone. Il 17 e 18 febbraio 2008, Rai 1 manda in onda lo sceneggiato televisivo in due puntate Caravaggio, regia di Angelo Longoni, protagonista Alessio Boni, la fotografia è di Vittorio Storaro e le musiche di Luis Bacalov

Nel 2008, la Fondazione Marco Fodella produce un art-film medio metraggio Voluptas dolendi i gesti del Caravaggio, tratto dall’omonimo spettacolo teatrale di Maria Galassi e Deda Cristina Colonna con la regia di Francesco Vitali. Mandato in onda su Sky Classica dal 2010 al 2013. Il 2 febbraio 2011 viene trasmesso su National Geographic il documentario Caravaggio. Il corpo ritrovato per raccontare l’unica ricerca effettuata sui possibili resti mortali dell’artista. Nel 2018 il documentario Caravaggio-L’anima e il sangue di Jesus Garcés Lambert (Sky e Magnitudo).

Nel 2019, Dentro Caravaggio (Nexo Digital) di Francesco Fei. Questo docu-film parte sulla mostra milanese L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri (Gallerie d’Italia, 30 novembre 2017-8 aprile 2018), per raccontare i dipinti in relazione ai luoghi in cui sono stati eseguiti. Caravaggio viene raccontato in una chiave introspettiva e attraverso narrazioni personali. La personalità dell’artista viene identificata nei dettagli dei suoi dipinti.

Che cosa ci svelerà Michele Placido?

Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, è un pittore inquieto, innamorato del vero e della luce; è un artista geniale e sovversivo che vive con il peso di una condanna a morte, su cui sta per allungarsi l’Ombra di un implacabile potere occulto. Un’inquietante figura indaga sul pittore, poiché è un genio dalla vita travagliata, malvisto dalla Chiesa di Roma, perennemente in fuga per un delitto commesso durante una lite, dove rimane ferito. Devoto e scandaloso, indipendente e trasgressivo, il Caravaggio che Placido vuole mettere in scena sarà un artista maledetto dal talento assoluto. Genio e sregolatezza convivono donando alla nostra storia un personaggio fuori dal tempo e un icona affascinante e sempre universale.

Di Lucrezia Palma

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.