Ferragosto a teatro per riflettere e sorridere un pò

Ferragosto a teatro per riflettere e sorridere un pò

Reading Time: 3 minutes

FERRAGOSTO A TEATRO. Diversi gli appuntamenti in questi giorni di festa, anche se incombe sempre la paura di una nuova ondata di Covid19. La vita va comunque avanti, con le necessarie precauzioni. E quindi, visto che l’estate è un momento di colori e di riposo, è il momento di riflettere, ma anche di rilassarsi e sorridere un pò. Un momento di piacevole e attenta riflessione arriva questa sera a Pietrasanta (LU) e a Torino il 17 e il 18 agosto. Stefano Massini presenterà infatti L’alfabeto delle emozioni alla Versiliana. Mentre, nel capoluogo piemontese, rassegna Bluoltremare, Lella Costa intratterrà chi è rimasto in città con Questioni di cuore. A far ridere e sorridere ci pensa la verve napoletana di Vincenzo Salemme, con lo spettacolo Napoletano? E famme ‘na pizza in scena a Gaeta (LT) il 16 agosto.

L’alfabeto delle emozioni. Per Massini si è quello che si prova. Il nostro racconto è quello di emozioni che a volte possono essere conflittuali e difficili da decifrare soprattutto in un momento tanto complesso come questo. Ogni lettera dell’alfabeto diventa quindi un’emozione, e aneddoti di personaggi del passato di esempi ne dà diversi, dalla perdita di un grande amore, da piccole fissazioni che sono però necessaria per stare bene. Dalla nota della Versiliana: “Ad andare in scena è la forza e la fragilità dell’essere umano, dipinta con l’estro e il divertimento di un appassionato narratore, definito da Repubblica il più popolare raccontastorie del momento”.

Partendo dalla rubrica di Natalai Aspesi su Repubblica Le lettere del cuore, da un’idea di Aldo Balzanelli, Costa indagherà invece nell’intimità culturale degli italiani attraversando 25 anni della nostra storia.

Lella Costa

Tra domande e risposte di Aspesi, con ironia, l’attrice milanese farà riflettere su come è cambiato e se è cambiato il modo di amare, con le musiche dell’intramontabile Ornella Vanoni. Spiega Costa: “La sentenza, loro che scrivono, già la conoscono. L’adultero sa che non deve tradire, la giovane sa che non deve usare la sue bellezza come arma. Mica deve dirglielo lei, uno penserebbe”. E invece: quelle risposte sono sempre migliori delle domande“.

Napoletano? E famme ‘na pizza di e con Salemme, con Antonio Guerriero, Vincenzo Borrino e Mirea Flavia Stellato, divertirà il pubblico di Gaeta. L’attore napoletano, presenta un nuovo spettacolo tratto dal suo ultimo libro uscito a marzo, dove affronta i luoghi comuni sui napoletani e che rendono “faticosa” la vita di chi è napoletano.

Vincenzo Salemme

Spiega Salemme: “A volte però essere napoletani è difficile: bisogna farsi piacere il caffè bollente, mangiare il ragù la domenica e il capitone a Natale, saper raccontare barzellette, suonare il mandolino e cantare perfettamente intonati i grandi classici della canzone partenopea, amare la pizza sopra ogni cosa, saper nuotare e fare il bagno in ogni stagione dell’anno… Ma come mai tutte queste pretese le subisce soltanto chi è napoletano mentre chi nasce da un’altra parte è in fin dei conti più libero di essere e fare quel che gli pare?” Lo spettacolo apre una tournée estiva anche con l’intento di ripartire con il teatro e dare una mano agli operatori che sono in difficoltà.

Di Stefano Donghi

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.