Il SECOND INTERNATIONAL STUDENT FESTIVAL IT/UNESCO passa online, dal 13 al 20 luglio

Il SECOND INTERNATIONAL STUDENT FESTIVAL IT/UNESCO passa online, dal 13 al 20 luglio

Reading Time: 3 minutes

Il SECOND INTERNATIONAL STUDENT FESTIVAL IT/UNESCO dal Teatro Studio del Piccolo di Milano sarà presentato via web a causa del Covid19. La Scuola del Piccolo presenta Tre sorelle di Čechov per la regia di Carmelo Rifici.

Il network, preziosa occasione di incontro e scambio tra allievi e insegnanti delle principali scuole di teatro da tutto il mondo, si doveva tenere quest’anno, per la prima volta in Italia, a Milano, al Teatro Studio Melato, a luglio. A causa dell’emergenza sanitaria, non è stato possibile, ma le otto Scuole che partecipano alla rassegna hanno scelto di essere comunque presenti, trasferendo sul web – nello specifico sul sito di International Theatre Institute ITI, che ha realizzato una sezione ad hoc – i contenuti da presentare al Festival.

La Scuola di Teatro ‘Luca Ronconi’ del Piccolo propone al pubblico internazionale il primo atto di Tre sorelle di Čechov, spettacolo che gli allievi del corso “Giorgio Strehler” hanno interpretato, diretti da Carmelo Rifici, regista e direttore della Scuola, a conclusione dello scorso anno di formazione.

Tre sorelle

La registrazione dello spettacolo (sottotitolato in inglese) è proposta nella serata del 13 luglio (ore 19.30). «È un lavoro sullo spazio vuoto e sul tempospiega Rifici –. Ci siamo focalizzati sull’assenza del tempo e dello spazio e quindi anche sull’assenza dei personaggi. L’esercizio è stato quello di mettere gli allievi nella condizione di restituire il testo di Čechov solo attraverso la relazione, ma senza che questa si risolvesse in relazione psicologica. Alla psicologia abbiamo preferito la letteratura e la condivisione di parole che, grazie al raddoppio dei personaggi, perdono la connotazione prettamente naturalistica… Non è un testo che parla di fallimenti ma del desiderio di appartenere ed essere posseduto da colui che apparentemente pare antagonista se non addirittura indifferente. Inoltre il testo mostra il desiderio inaccettabile di alcuni personaggi di non fare parte della realtà ma della fantasia e della letteratura, un desiderio inconfessabile di morte perché si possa aspirare a “divenire letteratura”».

Il 15 luglio, dalle 15 alle 17, talk tra insegnanti e allievi. Giovanni Crippa – coordinatore didattico e docente di recitazione – approfondirà il metodo di insegnamento della Scuola del Piccolo, lasciando ampio spazio alle domande e al dibattito con gli allievi del corso “Giorgio Strehler”  e quelli provenienti da altre realtà.

Domenica 19 luglio, dalle 15 alle 17.30, la parola passa agli studenti, animatori di una conversazione sul teatro ai tempi del Covid e sugli scenari futuri che immaginano per il palcoscenico e le performing arts.

Tutti i contenuti saranno reperibili sul sito di International Theatre Institute ITI, dove sarà possibile visionarli gratuitamente (per i talk, previa registrazione):

www.iti-unesco-network.org

Second International Student Festival, le altre scuole di teatro:

LASALLE College of the Arts | Singapore

Twelfth Night – 13 luglio, 19.30 (ora di Singapore)

Instituto Universitario de Danza “Alicia Alonso” / Universidad Rey Juan Carlos | Spain

Quixote Party – 14 luglio, 19.30 (ora di Madrid)

Islamic Azad University of Shiraz | Iran

The Sketch – 14 luglio, 19.30 (ora di Teheran)

Ecole Supérieure de Théâtre Jean-Pierre Guingané / CFRAV | Burkina Faso

L’Histoire d’un Soldat – 16 luglio, 19.30 (ora di Ouagadougou)

Cheongju University | Republic of Korea

Desire – 16 luglio, 19.30 (ora di Seoul)

Universidad Antonio Nariño, miembros de la RET de Escuelas de Teatro de Colombia | Colombia

La tragedia de Hilder – 17 luglio, 19.30 (ora di Bogota)

Kyiv National I.K. Karpenko-Kary University of Theatre, Cinema and Television | Ukraine

Games in the backyard – 17 luglio, 19.30 (ora di Kiev)

Presentazione

https://www.piccoloteatro.org/it/

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.