Le iniziative di luglio del Cinema BELTRADE di Milano

Le iniziative di luglio del Cinema BELTRADE di Milano

Reading Time: 5 minutes

Nuovi film e nuove iniziative al BELTRADE dI Milano per il mese di luglio. Torna il beniamino del Beltrade, Xavier Dolan, mentre in sala è in programma GLI ANNI AMARI di Andrea Adriatico. Prosegue poi l’omaggio ad Agnés Varda con nuovi film. La serata del 14 luglio sarà inaugurata da Tony Driver e a seguire si continuerò su Skype con Ascanio Petrini e Andrea Ferraris. Il Beltrade presenta anche il documentario: Shooting the Mafia: Letizia Battaglia. Prosegue Il Beltrade sul sofà.

Xavier Dolan

Torna il beniamino del Beltrade, Xavier Dolan

Protagonista qualche anno fa di una retrospettiva e di una maratona tra quelle più amate dal pubblico del Beltrade, torna Xavier Dolan sul grande schermo, con il suo ultimo film, presentato a Cannes MATTHIAS E MAXIME. Xavier Dolan, con quest’opera ripercorre i suoi temi più cari, tornando anche a impersonare uno dei protagonisti e richiamando con sé la sua storica “madre” cinematografica, la bravissima Anne Dorval.

Un film nel quale amicizie, affetti, amore e legami famigliari, sotto l’abile lente del regista, mostrano tutta la loro energia incontenibile e spesso di …gestione complicata. Matthias e Maxime sono due amici d’infanzia, il contesto è quello di un vicinato con famiglie unite e chiassose, ma non prive di problemi. nel momento delicato del passaggio all’età adulta, sul punto di volare in un altro continente, Maxime viene coinvolto – suo malgrado – da un’amica nella realizzazione di una scena di un film con un bacio gay… ovviamente nulla sarà più come prima!

Il film, al Beltrade da domenica 5 luglio, avrà un bel po’ di spazio, con ben tre proiezioni la prima domenica, e poi due proiezioni al giorno per alcuni giorni. per domenica pomeriggio e sera, comunque, ti consigliamo di prenotare scrivendo a prenota@cinemabeltrade.net

In sala  GLI ANNI AMARI di Andrea Adriatico

Da giovedì 2 luglio è uscito in sala al Beltrade GLI ANNI AMARI, un biopic (interpretato da Nicola Di Benedetto, Sandra Ceccarelli, Antonio Catania) che ricostruisce la vicenda fulminea  di Mario Mieli, attivista e pensatore, figura storica ed ‘eroica’ del movimento LGBT.

Dopo i precedenti film di Andrea Adriatico acclamati nei festival, come Il vento, di sera e All’amore assente (Andres and Me), un’ottima pellicola che diviene stimolante occasione per ricordare o conoscere la vita e il pensiero dell’autore degli Elementi di critica omosessuale (caposaldo imprescindibile degli studi di genere italiani). Figura sempre controversa nella sua complessa profondità, Mieli ha lanciato negli anni Settanta un messaggio di libertà del quale, nonostante qualche faticosa conquista in termini di diritti e di consapevolezza culturale, c’è ancora un enorme bisogno, divenendo al tempo stesso il simbolo di una sconfitta individuale si trova sempre dietro l’angolo. Un film che ricostruisce la parabola del giovane studioso, morto suicida a soli 30 anni, tra l’attività politica, le provocazioni, l’ironia, il teatro e la vita privata.

L’omaggio ad Agnés Varda

VARDA PAR AGNÈS, accolto con favore in queste prime settimane di apertura, per il momento ci saluta, ma tornerà forse per una proiezione ogni tanto e sicuramente per una maratona che dedicheremo ad agosto a questa grande artista, mentre resta in sala CLÉO DALLE 5 ALLE 7, uno dei capisaldi della nouvelle vague restaurato e abbinato al cortometraggio RÉPONSE DE FEMMES, e si aggiunge a partire da lunedì 6 luglio una nuova abbinata di due film della Varda, un lungo e un mediometraggio DAGUERRÉOTYPES + SALUT LES CUBAINS. Il primo è una sorta di film nel film che mette in scena lo sguardo cinematografico di una donna sul quartiere in cui abita, «un cinema di vicinato, girato nella mia via, presso coloro che lasciano aperta la propria porta (…) un album di quartiere, un archivio per gli archeosociologi dell’anno 2975.  È la mia “opéra-Daguerre”» (Agnès Varda). Il secondo è un cha-cha-cha visivo nella Cuba della rivoluzione con commento di Michel Piccoli.
E a proposito di maratone, anche l’omaggio a Fellini avrà presto la sua.

TONY DRIVER: serata inaugurale il 14 luglio – a seguire skype con Ascanio Petrini e Andrea Ferraris, fumettista autore di LA CICATRICE

Un altro nuovo film, in sala al Beltrade da martedì 14 luglio, è TONY DRIVER di Ascanio Petrini. Petrini racconta la storia vera di Pasquale, detto Tony, un cow-boy che non ha bisogno di attori per essere interpretato, né di sceneggiature per diventare un personaggio indimenticabile. Dopo una vita negli Stati Uniti, Tony viene beccato a trasportare migranti messicani attraverso la frontiera e deve scegliere tra la galera e il ritorno in Italia, “un altro pianeta”. Qui Tony si ritrova solo, ma è deciso a non arrendersi.

Con questo film possiamo salutare la nascita di un nuovo autore, qui al suo primo lungometraggio e ad Ascanio potremo fare le nostre domande e commenti dopo la proiezione del 14 luglio, in collegamento skype: insieme al regista, anche il fumettista Andrea Ferraris, coautore, insieme a Renato Chiocca, di La Cicatrice, una riflessione a fumetti che pone domande di attualità scottante sul muro che divide Messico e Stati Uniti (oblomov edizioni).

Una fotografa nel mirino del cinema: Letizia Battaglia

Dal 30 luglio arriva sullo schermo del Beltrade l’atteso LETIZIA BATTAGLIA – SHOOTING THE MAFIA. questa volta lo sguardo che si posa su questa fotografa coraggiosa è femminile: è quello di Kim Longinotto, la regista inglese già nota a molti spettatori del Beltrade per il suo ottimo film di montaggio Love is All.

Il Beltrade sul sofà e le altre attività online proseguono

IL BELTRADE SUL SOFÀ – VOD prosegue la sua attività anche a sala aperta, e ti propone la visione, insieme ai film già presenti, dei film già entrati a costituire un piccolo archivio del cinema indipendente passato dal nostro schermo, ai quali si aggiungono alcuni dei film che escono di programmazione: si potrà trovare quindi sul sofà PJ HARVEY. A DOG CALLED MONEY. Dato che è un film nuovo, il biglietto minimo è di € 7,00 (come nel caso di FOR SAMA – ALLA MIA PICCOLA SAMA). Non si applica quindi, a questi due film, la tariffa a scalare con varie fasce tra le quali lo spettatore può liberamente scegliere, come nel caso degli altri film.

Per permettere la scelta dei film, il sito è stato lievemente implementato, con la comparsa di nuove categorie: ora su www.cinemabeltrade.net cliccando sulle categorie è possibile trovare sia i film in sala, sia i “prossimamente”, sia infine i film visibili “sul sofà” come Video on Demand.

Mentre le dirette facebook sono per il momento in pausa, le chiacchierate con i registi, in presenza o via skype, sono reperibili anche sul canale youtube del Beltrade, e prossimamente proveremo a mettere anche i collegamenti skype in diretta sulla pagina facebook.

Sostieni il tuo cinema

la chiusura forzata, il contingentamento attuale dei posti e l’attuale scarsità di titoli disponibili per le proiezioni hanno messo e mettono a dura prova le sale. Il Beltrade partecipa ad un’azione di rete insieme ad altre sale indipendenti e incoraggia gli spettatori italiani a sostenere il loro cinema di riferimento. Per quanto riguarda la sala, i biglietti per venire al Beltrade sono invariati e per chi volesse sostenere il cinema, ci sono dei gadget come matite, quadernini, borse e magliette.

Sono invece acquistabili solo online le magliette create da UNLOCK THE BLOCK. “Helping small businesses one t-shirt at a time – Quattro designer per quattro piccoli negozi di Milano. Il risultato? Quattro t-shirts originali, il cui ricavato andrà al tuo negozio del cuore. Aiutaci a sbloccare il quartiere!” Vedi http://unlocktheblock.it/. Le magliette dedicate al Beltrade sono state disegnate da Stefano Lucchetti e sono disponibili sul sito di EVERPRESS.

È infine possibile leggere e firmare su www.lasci.cloud la LETTERA APERTA PER IL SOSTEGNO ALL’ESERCIZIO CINEMATOGRAFICO INDIPENDENTE ITALIANO.

Presentazione

www.cinemabeltrade.net

www.ildogville.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.