UNA STRANISSIMA PRIMAVERA. Severgnini a proposito di pandemia, ai Bagni Misteriosi di Milano

UNA STRANISSIMA PRIMAVERA. Severgnini a proposito di pandemia, ai Bagni Misteriosi di Milano

Reading Time: 3 minutes

Giovedì 2 luglio, i Bagni Misteriosi, suggestivo spazio con piscina del Franco Parenti di Milano presentano UNA STRANISSIMA PRIMAVERA di Beppe Severgnini, con Severgnini e Carlo Fava. Si tratta di una produzione Mismaonda Creazioni Live.

Attraverso racconti, poesie e canzoni, Beppe Severgnini e Carlo Fava –  un giornalista e un musicista, uno scrittore e un cantante, due lombardi – provano a guardare oltre questa stranissima primavera.

La pandemia è una macchina della verità. Abbiamo avuto tempo per pensare chi siamo e, forse, per capire chi potremmo essere. Abbiamo imparato tutti qualcosa, come persone e come nazione. Certo, sono lezioni che avremmo voluto apprendere in altro modo. Ma la vita, quando decide di insegnarci qualcosa, non chiede il permesso. Dalla bufera del coronavirus noi italiani siamo usciti diversi. Cosa siamo diventati, peggiori o migliori? Di sicuro, durante questa scura luminosa stagione – il virus tra di noi, il sole nel cielo – siamo stati costretti a trovare risorse che non sapevamo di avere. Ci siamo spaventati e rassicurati a vicenda, abbiamo capito chi vale e era una perdita di tempo. Abbiamo pensato, e questo non fa mai male“.

Beppe Severgnini

UNA STRANISSIMA PRIMAVERA

Beppe Severgnini è editorialista e vice-direttore del Corriere della Sera, dov’è arrivato nel 1995. Per il quotidiano di via Solferino ha creato il blog Italians (nel 1998), tiene l’omonima rubrica (dal 2001) e ha diretto il settimanale 7 (dal 2017 al 2019). Di recente ha inaugurato Fotosintesi, una video-rubrica per Corriere-TV. Dal 2013 è contributing opinion writer per The New York Times. È stato corrispondente in Italia per The Economist (1996-2003). Ha lavorato per il Giornale di Indro Montanelli (1981-1994) e per La Voce (1994-1995). Nel 2004, a Bruxelles, è stato votato “European Journalist of the Year”. È autore di 17 libri. Il primo è Inglesi (1990). I più recenti sono Italiani si rimane (2018), un’autobiografia professionale, didattica e sentimentale, e Infiniti interismi (2019), nuova edizione del manuale del perfetto interista. La testa degli italiani (2005), tradotto in quindici lingue, è diventato un New York Times bestseller, col titolo La Bella Figura: A Field Guide to the Italian Mind. Da La vita è un viaggio (2014) ha tratto uno spettacolo teatrale, da lui stesso interpretato, portato in tutta Italia. Nel 2015-2016 ha ideato, scritto e condotto L’erba dei vicini (Rai 3). Per la Rai aveva già condotto Italians, cioè italiani (1997) e Luoghi comuni, un viaggio in Italia (2001 e 2002). Ha lavorato per Sky Italia (2004-2010) e per La7 (2011-2019). Nel 2106-2017 ha ideato Rock&Talk su Virgin Radio. Tra il 2007 e il 2013 ha collaborato con Radio Montecarlo (RMC), e in precedenza con Rai Radio 2 e BBC radio.

Beppe Severgnini ha studiato all’Università di Pavia e ha lavorato come corrispondente estero a Londra, Mosca, Washington DC; si è occupato di Europa dell’Est, Cina, Medio Oriente. Insegna dal 2010 alla Scuola di Giornalismo Walter Tobagi dell’Università Statale di Milano. È stato Visiting Fellow al Massachusetts Institute of Technology MIT (2009) e all’Università Ca’ Foscari di Venezia (2013), Isaiah Berlin Visiting Scholar presso Oxford University (2013). Nel 2001 la Regina Elisabetta II gli ha conferito il titolo di Officer of the British Empire e nel 2011 è stato nominato Commendatore della Repubblica italiana. Vive a Crema e a Milano. (Fonte:http://www.beppesevergnini.com)

Presentazione

http://www.teatrofrancoparenti.it

http://www.bagnimisteriosi.it

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.