DAVID 2020. L’edizione da casa che ha emozionato per umanità

Reading Time: 2 minutes

DAVID DI DONATELLO 2020. L’8 maggio, Carlo Conti ha presentato la 65esima edizione dei David, il premio più ambito della cinematografia italiana. È stata una serata particolare a causa o grazie al distanziamento sociale imposto dal COVID19, andata in diretta su Rai1 con il presentatore solo in studio e i candidati collegati dalle loro case, chi vestito in smoking, chi in modo più casual. Nonostante il distanziamento, la kermesse è risultata emozionante, accorata, asciutta e soprattutto umana, al netto del glamour e con il valore aggiunto dell’impegno e dell’arte dei lavoratori dello spettacolo.

Conti, un vero professionista della televisione e della presentazione, ha introdotto il grande cinema italiano ricordando il centenario della nascita di due icone: Federico Fellini e Alberto Sordi. Un’ emozionante dedica è andata anche a Franca Valeri premiata con il meritatissimo David Speciale alla carriera. Tra i premi già assegnati, Parasite, di Bong Joon-ho, si è aggiudicato il David Miglio Film Straniero e il Il primo Natale, del duo comico Ficarra e Picone, il David dello spettatore.

Non è mancato il messaggio di Sergio Mattarella, letto da Conti: “Il cinema è l’arte del sogno, necessaria per ricostruire il Paese

Il Traditore di Bellocchio e Pinocchio di Garrone i film più premiati

Il Traditore di Marco Bellocchio, come previsto, è stato il film più premiato, con ben sei David: Miglior Film, Miglio Regista: Marco Bellocchio, Miglior Attore Protagonista: Pierfrancesco Favino, Miglior Attore Non Protagonista: Luigi Lo Cascio, Miglior Sceneggiatura Originale, Miglior Montatore: Francesca Calvelli.

Pinocchio di Matteo Garrone si è aggiudicato cinque David: Migliore Scenografo a Dimitri Capuani, Migliori Costumi a Massimo Cantini Parrini, Miglior Truccatore a Dalia Colli e Mark Coulier, Miglior Acconciatore a Francesco Pegoretti, Migliori Effetti Visivi a Theo Demeris e Rodolfo Migliari.

David 2020

David 2020: tutti i vincitori

  • Miglior Film: Il Traditore, diretto da Marco Bellocchio
  • Miglior Regista: Marco Bellocchio per Il Traditore
  • Miglior Regista Esordiente – Premio Gian Luigi Rondi: Phaim Bhuiyan per Bangla
  • Migliore Sceneggiatura Originale: Il Traditore scritto da Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella e Francesco Piccolo
  • Miglior Sceneggiatura Non Originale: Martin Eden scritta da Martin Eden Maurizio Braucci, Pietro Marcello
  • Migliore Produttore: Il primo ReGroenlandia, Rai Cinema, Gapbusters, Roman Citizen
  • Miglior Attore Protagonista: Pierfrancesco Favino per Il Traditore
  • Migliore Attrice Protagonista: Jasmine Trinca per La dea fortuna
  • Migliore Attrice Non Protagonista: Valeria Golino per 5 è il numero perfetto
  • Miglior Attore Non Protagonista: Luigi Lo Cascio per Il Traditore
  • Miglior Fotografia: Daniele Ciprì per Il Primo Re
  • Migliore Musicista: Il Flauto Magico di Piazza Vittorio – L’orchestra di Piazza Vittorio
  • Miglior Canzone Originale: La dea fortuna – Che vita meravigliosa, Musica e Testi di Antonio Diodato, interpretato da Antonio Diodato
  • Migliore Scenografo: Dimitri Capuani per Pinocchio
  • Migliori Costumi: Massimo Cantini Parrini per Pinocchio
  • Miglior Truccatore: Dalia Colli e Mark Coulier per Pinocchio
  • Miglior Acconciatore: Francesco Pegoretti per Pinocchio
  • Migliore Montatore: Francesca Calvelli per Il Traditore
  • Miglior Suono: Il primo re. Presa diretta: Angelo Bonanni Microfonista: Davide D’Onofrio Montaggio: Mirko Perri Creazione Suoni: Mauro Eusepi Mix: Michele Mazzucco
  • Migliori Effetti Visivi: Theo Demeris e Rodolfo Migliari per Pinocchio
  • Miglior Documentario: Selfie di Agostino Ferrante
  • Miglior Film Straniero: Parasite
  • Miglior Cortometraggio: Inverno di Giulio Mastromauro
  • David Giovani: Mio fratello insegue i dinosauri di Stefano Cipani

Di Stefano Donghi

www.ildogville.it

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.