NON DOMANDARMI DI ME, MARTA al Torlonia di Roma

Reading Time: 3 minutes

Sul palco del Teatro Torlonia di Roma, Elena Arvigo darà corpo e voce al carteggio tra Luigi Pirandello e Marta Abba con NON DOMANDARMI DI ME, MARTA testo di Katia Ippaso, per la regia di Arturo Armone Caruso, in scena dal 6 all’8 marzo. Uno spettacolo che rievoca il rapporto elettivo dell’attrice con il suo maestro proprio nelle ore che seguono la morte di Luigi Pirandello. In quella notte non solo si fa vivo il fantasma dello scrittore siciliano, ma vengono chiamate a raccolta le eroine pirandelliane.

Non domandarmi di me, Marta mia

NON DOMANDARMI DI ME, MARTA MIA

Non domandarmi di me, Marta mia si situa in un preciso punto del tempo, il 10 dicembre del 1936, data della morte di Luigi Pirandello, e in un preciso punto dello spazio, New York, dove Marta Abba stava recitando al Plymouth Theatre di Broadway. Quella sera, dopo aver fatto al pubblico l’annuncio dell’improvvisa scomparsa di Pirandello, alla fine dello spettacolo Marta Abba si trova da sola nella sua camera di Manhattan. Legge l’ultima lettera che Pirandello le aveva scritto, solo sei giorni prima della sua morte. In quella lettera, lo scrittore non accennava alla sua malattia.

La camera di Marta Abba è un caleidoscopico comporsi e scomporsi di inquadrature che inseguono il fluire del testo e della tessitura musicale, dove si va a delineare una storia umana, un amore palpitante, appassionato, intellettuale e non solo, con una scrittura poetica che racconta dieci anni attraverso uno scambio di lettere animate da sentimenti, teatro e distanza. Un viaggio notturno in una corrispondenza dalla quale affiora pulsante l’emozione e il lungo, intenso e per tanti versi doloroso rapporto tra Luigi Pirandello e Marta Abba.

Non domandarmi di me
Non domandarmi di me, Marta mia

La riflessione di Katia Ippaso

«Nella calma allucinata di quella notte, dopo la rappresentazione, Marta si trova a dover fare i conti con il suo passato racconta Katia Ippaso, autrice della pièceL’attrice ha portato con sé le lettere che negli anni le ha scritto Pirandello dal 1926 al 1936 ma anche quelle che lei aveva indirizzato al suo Maestro. Le sparge sul letto e sul pavimento, vi si immerge, e rievoca così la loro storia, la storia di un rapporto elettivo, segreto per gli altri, e in una qualche forma incomprensibile, “un fatto d’esistenza”, annotava Pirandello in una lettera del ’29″.

È una notte di veglia, in cui si fa vivo non solo il fantasma di Pirandello- continua l’autrice– ma vengono chiamate a raccolta anche le immagini fantasmate di tutte le eroine pirandelliane (dalla Tuda di Diana e la Tuda alla Donata Genzi di Trovarsi, fino alla contessa Ilse de I Giganti della montagna) che il grande scrittore aveva inventato per lei, per la sua Marta».

Le note di Arturo Armone Caruso

Si intrecciano e irrompono sulla scena «i temi dell’impossibile fusione amorosa, del senso dell’arte, della vecchiaia inesorabile, della morte e della forma, anche quella dell’arte, che soffoca la vita, a suggerire il sentimento di una irrimediabile perdita, di una minaccia incombente, di un’epoca buia. Luigi Pirandello e Marta Abba si allontanano, dunque, all’infinito nella glaciale notte newyorkese, alla frontiera tra la vita e la morte, all’alba dell’immane catastrofe – riflette il regista Arturo Armone Caruso Un teatro d’ombre, con lettere, foto in bianco e nero, estratti filmati, nuvole che si addensano, in cui Pirandello si esprime tramite Marta Abba e viceversa. L’uno e l’altra, insieme. Incarnati».

Presentazione da comunicato stampa

http://www.teatrodiroma.net/doc/5190/il-teatro-di-villa-torlonia

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.