DITEGLI SEMPRE DI SÌ. Eduardo al Piccolo Strehler di Milano

Reading Time: 3 minutes

Arriva al Piccolo Teatro Strehler di Milano, dal 18 marzo al 5 aprile, DITEGLI SEMPRE DI SÌ, una delle più fortunate commedie del repertorio eduardiano. Lo spettacolo, una produzione Elledieffe, La Compagnia di Teatro di Luca De Filippo, oggi diretta da Carolina Rosi, con la Fondazione Teatro della Toscana. Vede in scena Gianfelice Imparato, nei panni del protagonista Michele Murri, e Carolina Rosi in quelli di sua sorella Teresa. A dirigere la Compagnia Roberto Andò, regista abituato a muoversi tra cinema e teatro, qui alla sua prima esperienza eduardiana.

Ditegli sempre di sì
Ditegli sempre di sì

Ditegli sempre di sì: spettacolo

Ditegli sempre di sì è uno dei primi testi di Eduardo De Filippo, scritto nel 1927 e messo in scena l’anno successivo da Vincenzo Scarpetta. Ripreso all’inizio degli anni Trenta per la compagnia che aveva fondato con i fratelli, racconta le vicende di Michele Murri (Gianfelice Imparato) che, erroneamente congedato dopo un anno in manicomio, torna a casa, ospite della sorella Teresa (Carolina Rosi).

La pazzia di Michele Murri è vera, ma è un pazzo tranquillo, socievole, cortese, all’apparenza l’uomo più normale del mondo, toccato, tuttavia, da una follia più sottile che consiste nel confondere i desideri con la realtà che lo circonda. È infatti un maniaco della perfezione, eccede in ragionevolezza, prende tutto alla lettera, ignora l’uso della metafora, puntualizza e spinge ogni cosa all’estremo. Tornato a casa, si trova a fare i conti con un mondo assai diverso dagli schemi secondo i quali è stato rieducato in manicomio. Ne nascono equivoci e incidenti, da cui il titolo che invita a “dirgli sempre di sì”, che suggeriscono il dubbio: chi è il vero pazzo? E qual è la realtà vera?

Ditegli sempre di sì

Con Ditegli sempre di sì prosegue il progetto avviato nel 2016 dalla Elledieffe che, dopo aver incrociato i percorsi artistici di Marco Tullio Giordana e Mario Martone, si affida ora a Roberto Andò. Si vuole così diffondere e valorizzare l’immenso patrimonio culturale di una delle più antiche famiglie della tradizione teatrale italiana.

Note di regia

Annota il regista: «Il tema della pazzia ha sempre offerto spunti comici o farseschi, ma di solito è giocato a rovescio, con un sano che si finge pazzo. Invece, in Ditegli sempre di sì il protagonista è realmente pazzo, da cui il dolore, e il senso di minaccia che pervadono l’opera. Tra porte che si aprono e si chiudono, equivoci, fraintendimenti, menzogne, illusioni, bovarismi, lo spettatore si ritrova in un clima sospeso tra la surrealtà di Achille Campanile e un Pirandello finalmente privato della sua filosofia, irresistibilmente proiettato nel pastiche“.

Roberto Andò

Via via che si avvicina al finale” – conclude Andò – “il fantasma delle apparenze assume un andamento beffardo, sino a sfiorare, nel brio del suo ambiguo e iperbolico disincanto, una forma spiazzante, la stessa che, anni dopo, il genio di Thomas Bernhard riassumerà in una scarna, e micidiale, domanda: “E’ una commedia? E’ una tragedia?».

Presentazione da comunicato stampa

Informazioni e prenotazioni 0242411889 – www.piccoloteatro.org

www.ildogville.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.